Deprecated: Function ereg() is deprecated in /var/www/vhosts/assisionline.it/httpdocs/umbria_225.html on line 5
Assisi Parco del Monte Subasio assisi Il percorso sacro del Subasio Assisi OnLine ® Il percorso sacro del Subasio Assisi Il percorso sacro del Subasio Umbria Italy
Assisi Online (www.assisionline.it)
Ristorante e Eventi - Assisi
Ristorante e Eventi - Assisi
Relais in Assisi
Relais in Assisi
Hotel 4 stelle in Assisi
Hotel 4 stelle in Assisi
Vendita immobili in Assisi centro
Vendita immobili in Assisi centro

ASSISI Parco del Monte Subasio - Il percorso sacro del Subasio




Il parco è stato considerato ‘Sacro’ fin dall’antichità, quindi prima che venisse scelto da San Francesco. Un misticismo che nasce fin dalle popolazioni degli Umbri. Infatti proprio sul colle Rufino (loc. Torre Messese costr. Medievale.) fu rinvenuto, nel 1879, il Marte del Subasio databile intorno al V secolo a.C.. Una statuetta in bronzo di 16 centimetri con corazza scudo e lancia, che rappresenta un guerriero nell’atto di avanzare. La statuetta di marte voleva consacrare ed ora ricordare la civiltà degli umbri sul monte Subasio.

Il monte è lo spazio propizio per l’incontro delle divinità . Il mone Subasio suscita nel suo osservatore un’attrazione quasi ‘fatale’. Si può certamente affermare che se Francesco è ora considerato il fautore del nuovo sentire naturalistico, un po’ è dovuto anche all’ottimo rapporto tra natura e attività dell’uomo, che ancora oggi qui si vive.
Il Cantico delle creature è sicuramente il passaporto del più alto rispetto della natura e del rapporto più intimo con essa. Vi fu una proposta di John Lynn White di eleggere San Francesco come patrono e difensore –patrono della politica ecologica (1968).

Oltre Mille anni di Pace
Dopo l’anno mille cominciano a mettere piede sul monte diversi insediamenti religiosi, edicole cappelle, eremi come S. Silvestro di Collepino (prima del 1086 camaldolese), S. Benedetto (doc. più antico del 1041), eremo delle Carceri, S. Angelo Panzo Carcerelle, Madonna della Spella, S. Maria Maddalena, S. Rufino, S. Maria del Paradiso, S. Antonio Abate, S. Maria della Neve, S. M. delle Grazie, S. Egidio (S. Gillo), S. Matteo dei Sassi.
Comunque è a S. Francesco che si deve ricondurre la palpabile associazione di un luogo dedicato alla natura e al ristoro privilegiato dei sensi. I padri della chiesa parlavano di liturgia cosmica quando l’uomo e il creato entravano in sintonia. Quindi il Cantico di Frate Sole (S. Franceso) non poteva che nascere alle falde del Subasio.
Il monte Subasio ha senz’altro ispirato numerosi artisti come Zeffirelli, Norberto, Fratel Carlo Carretto.

Eremo delle carceri
Il luogo dove San Francesco amava ritirarsi o meglio ‘carcerarsi’ (da qui il nome) in preghiera, distante pochi chilometri da Assisi. Si incontra sulla strada che porta al monte Subasio. Tutto l’imponente complesso sorse nella grotta dove dimorava San Francesco e i suoi compagni.. Il convento qui presente venne costruito intorno al ‘400 grazie all’intervento di San Bernardino da Siena. All’interno è visitabile i luoghi rimasti quasi sospesi nel tempo. Un leccio (si dice del tempo di Francesco) è stato legato saldamente con una catena per evitare che cada è qui che il Santo si appartava e gli uccelli sostavano ad ascoltare.

Abbazia di San Silvestro
L’intero complesso monastico fu fondato nel da San Romualdo nel 1025. Alla fonte sono attribuite proprietà terapeutiche.

Abbazia di San Benedetto
Di antiche origini., la cripta è del XI secolo. L’Abbazia si trova a 800 metri di quota e si trova attraversando l’Eremo delle Carceri, dopo la pineta dei prigionieri, di Fronte all’Abbazia c’è la fonte di S. Benedetto utile per la transumanza giornaliera dei pascoli, utilizzata fino agli anni ’50.
Vicino all’Abbazia parte un sentiero ben visibile, sotto un tornante, che porta ai resti del castello di Sassorosso, dalla strada principale dista circa un chilometro. Nel 1205 si fa cenno del castello in una ordinanza del podestà di Perugia. (atti dell’Accademia Properziana del Subasio serie VI n° 23/95 Castelli Assisani nella prima metà del ‘200 autore Francesco Cantucci).

Madonna della Spella
Dell’XI secolo, nel bel mezzo del Parco, da qui si gode del panorama che abbraccia una parte della pianura umbra e degli appennini.

Cappellina di Satriano
Si pensa che proprio qui sorgesse il castello di Satriano, dove fu accolto San Francesco morente. Ricostruita nel 1926. In ricordo di questo evento un gruppo di cavalieri ripercorre l’antico sentiero con una passeggiata che parte da Nocera Umbra ed arriva in Assisi.
.
Monastero di Vallegloria
Restano ormai solo i ruderi e fu un convento benedettino del VI secolo.

Collepino
Tra Spello e Sangiovanni è un piccolissimo paese di origine medievale, circondato da mura.

San Giovanni
Il castello si trova sul versante che guarda Spello, nella chiesa che si trova all’interno del castello San Giovanni, qui Francesco, si fermò alcune volte.




SCG Business Consulting S.a.s. di Giacomelli E. & C. - Internet Advertising Division - © 1997-2020 Tutti i diritti riservati
P.IVA 01675690562
Assisi Online © Copyright